open Genevent

piattaforma di gestione eventi conforme alla normativa CEI 79/2 fino al massimo livello certificabile di certezza della trasmissione e dell’integrità dei dati

overview
GENEVENT, sicurezza fisica over IP, dalle parole ai fatti.
le centrali di gestione eventi su rete locale

 

il grafico può dare l’idea a colpo d’occhio del salto tecnologico che si è verificato nel mondo delle centrali per la sicurezza fisica e che ha finalmente iniziato a influenzare i capitolati tecnici di alcuni grandi utenti per grandi edifici e comprensoti. Una parte importante l’hanno avuta anche fattori evolutivi dell’ICT sul piano globale, ma i contenuti applicativi – software – di questo tipo di piattaforme sono ormai su un piano completamente diverso rispetto ai prodotti tradizionali.

  • Non più firmware ma software applicativo, tele aggiornabile ed espandibile.
  • LAN verso il supervisore e verso altri sottosistemi.
  • Applicazioni modulari.
  • Combinazione con videosorveglianza.

centrale di gestione eventi

Una CGE, a differenza di una normale centrale di allarme tradizionale, dovrà potersi adeguare non solo alle modifiche all’impianto tradizionale, ma anche alla dinamica dei sottosistemi in campo, alla evoluzione delle correlazioni, all’integrazione con servizi esterni, all’allacciamento a sistemi informativi esterni ecc.

I moduli fisici e le funzionalità devono quindi rispondere a criteri architetturali ispirati espressamente a:

  • flessibilità, per ottenere configurazioni diverse per le diverse filiali e per evolverle negli anni rispetto a quella iniziale senza interventi sostitutivi o impegnativi;
  • espandibilità, per accrescere nel tempo l’estensione dell’impianto e delle funzioni senza limitazioni predeterminate, utilizzando un solo modello per ogni dimensione di filiale;
  • scalabilità, traducibile in espandibilità con l’utilizzo di pochi moduli in modo da semplificare installazione e manutenzione anche in ambienti dinamici;
  • apertura all’interoperabilità, con predisposizioni di prodotto e di supporto tecnico per semplificare e standardizzare l’integrazione di ulteriori sottosistemi;
  • accessibilità per i fornitori di servizi, con una impostazione di moduli, supporto e politiche commerciali tali da permettere alla banca di continuare a rivolgersi a una pluralità di fornitori abituali di servizi in concorrenza reale tra loro.

scheda

 

caratteristiche tecnico-funzionali

Le prestazioni tecniche indispensabili per una CGE devono essere sufficientemente potenti e flessibili per dialogare con altri sottosistemi locali, diversi per interfacce e protocolli di comunicazione, elaborare velocemente correlazioni e interagire con una rete geografica.

La CGE deve quindi essere basata su:

  • Una piattaforma basata su CPU con processore a basso consumo alimentato a 12V e sistema operativo embedded, in modo tale da ottenere:
  • Un consumo che, sommato a quello del campo sensori e telecamere, permetta di restare entro limiti calcolati, come precisato più avanti ai fini dell’autonomia in assenza di alimentazione di rete;
  • Una dissipazione di calore tale da non richiedere apposite ventole e griglie verso l’esterno;
  • Una potenza elaborativa complessiva adeguata ai processi di gestione allarmi, di gestione delle funzioni di videosorveglianza e videoregistrazione, di interazione con sottosistemi locali, con un’eventuale console virtuale e con la supervisione remota;
  • Una riserva di capacità elaborativa adeguata alla futura elaborazione di ulteriori processi, anche non prevedibili in fase iniziale;
  • La capacità di gestire una sottorete LAN di sicurezza per ottenere la sicurezza di una separazione dalla LAN aziendale;
  • Un numero espandibile di porte RS232 e bus RS485 per comunicare a breve e meno breve distanza anche con sottosistemi dotati di porte seriali tradizionali;
  • La gestione contemporanea di processi di interpretazione di tanti protocolli diversi quante sono le connessioni, sia su linee seriali che su LAN;
  • WEB server per alimentare il browser di console e pannelli virtualizzati su browser in LAN o WAN;
  • Un sistema di trasformazione, erogazione e controllo dell’alimentazione elettrica necessaria ai moduli propri e a quelli in campo, oltre che alla ricarica della batteria; dimensionato quindi anche in funzione del tempo di ricarica massima della batteria, quest’ultima a sua volta calcolata per l’autonomia voluta in caso di interruzione dell’alimentazione;
  • Un’armadiatura che permetta di alloggiare tutti i moduli, descritti, l’alimentazione e la batteria calcolata nel rispetto della normativa CEI 79/2;
  • La disponibilità di una versione da rack, sempre nel rispetto della normativa CEI 79/2, per conformarsi alla crescente tendenza ad uniformare gli impianti nell’ambito di locali tecnici standardizzati.

Le caratteristiche:

Comunicazioni

Trasmissione su rete IP con protocollo:

  • Applicativo bidirezionale pubblico (CEI 79/6) e di trasporto (CEI 79/5 con livello di sicurezza pari a 0, 1 o 2 secondo crittografia, vettore di backup, controlli keep-alive;
  • Applicativo bidirezionale proprietario con performance secondo produttore/modello e interoperabilità:
    • Disponibile per interfacciamenti a supervisori di terzi;
    • Non disponibile a terzi;
Evoluzione
del ciclo di vita
e TCO

Con la combinazione tra scalabilità fisica e applicativa:

  • Costo iniziale relativamente più alto;
  • Automatismi operativi e da supervisore con riduzione del costo dei servizi interni/esterni;
  • Evoluzione per aggiunte e non per sostituzione = ciclo di vita perpetuo.
Tele-azionamenti
Tele-gestione
  • Azionamenti su singolo sensore;
  • Attivazioni su singolo attuatore inserimenti e disinserimenti di impianto;
  • Inibizioni, blocchi, sblocchi, modifiche di programmazione di sottosistemi.
Segnali Gestiti
  • Da sensori tradizionali;
  • Da contatti DI/DO;
  • Da misure analogiche;
  • Da protocolli seriali e LAN per eventi provenienti da dispositivi e sottosistemi via protocollo.
Trattamento
locale dei segnali
  • Generazione di eventi circostanziati:
    • Per reazioni locali automatiche;
    • Per informazione completa per il supervisore.
  • Attivazioni:
    • Automatiche in locale;
    • Semiautomatiche con consenso da centro;
    • Da supervisore su richiesta volontaria o automatica;

Questo sito è stato realizzato con lo scopo di fornire informazioni riguardanti CITEL.
Le immagini ed i contenuti presenti in questo sito Web sono di proprietà intellettuale di CITEL.
Raccomandiamo di contattarci per qualsiasi problema esistente nel sito. CITEL non è responsabile per il contentuto dei siti collegati.
Tutte le immagini, i testi e i contenuti su questo sito Web sono protetti secondo quanto stabilito dalle vigenti disposizioni di legge.
Sono forniti esclusivamente a scopo illustrativo e possono essere utilizzati citandone la fonte soltanto con il permesso scritto di Citel.

d.lgs. 196/2003

Informiamo che, ai sensi del d.lgs. 196/2003, il responsabile dati di CITEL è il titolare dei dati personali così come forniti nella compilazione di tutti i moduli on line necessari per completare la navigazione e/o per inviare messaggi, iscrizioni e/o materiali forniti online.

Per il trattamento di dati personali si intende la loro raccolta, registrazione, organizzazione, conservazione, elaborazione, modificazione, selezione, estrazione, raffronto, utilizzo, interconnessione, blocco, comunicazione, diffusione, cancellazione e distruzione ovvero la combinazione di due o più di tali operazioni e che possano essere utilizzati per finalità promozionali, e/o per statistiche ovvero per l’invio di materiale redazionale, mediante consultazione, elaborazione, o raffronto.

Il trattamento dei dati avverrà mediante strumenti idonei a garantirne la sicurezza e la riservatezza e potrà essere effettuato anche attraverso strumenti automatizzati atti a memorizzare, gestire e trasmettere i dati stessi.

Informiamo inoltre che la legge conferisce al cittadino la possibilità di avvalersi di specifici diritti: l’interessato può ottenere l’informazione dell’esistenza o meno dei propri dati personali richiedendo la messa a disposizione degli stessi in maniera intelligibile. Può altresì ottenere la cancellazione, la trasformazione, o il blocco dei dati trattati in violazione di legge nonché l’aggiornamento, la rettificazione, o, se vi è interesse, l’integrazione dei dati ed opporsi, per motivi legittimi, al trattamento stesso.

Ulteriori informazioni in ordine al trattamento ed alla comunicazione di dati personali potranno essere richieste a Citel, all’indirizzo e-mail: info@citel.it

 

sito web basato su WordPress realizzato da PaperPlane.

la ringraziamo per aver visitato il nostro sito.
il nostro recapito:

CITEL SpA
Via Columella L.G., 36
20128 Milano

 

se le interessano maggiori informazioni tecnico/commerciali può contattare:

Nils Fredrik Fazzini
e-mail: n.fazzini@citel.it

oppure

tel. 02 25 50 766
info@citel.it

per assistenza tecnica:
tel. 02 25 50 766
fax 02 26 00 54 30
e-mail: assistenza@citel.it